Lunedì, 18 Giugno 2018 16:53

Cardiotocografia

A cosa serve il monitoraggio (cardiotocografia) e come si effettua? Tutto su un importante esame che si fa in prossimità del parto.

Il monitoraggio

Il monitoraggio (o tracciato o cardiotocografia) è un tipo di esame che si effettua durante la gravidanza e può risultare particolarmente utile nella sua fase conclusiva perché permette di tenere sotto controllo lo stato di salute del feto soprattutto in prossimità della data prevista per il parto. In genere il primo monitoraggio viene eseguito non prima della 38a settimana di gestazione assieme agli altri esami che si effettuano di routine in vista del parto (emocromo, elettrocardiogramma, controllo della pressione arteriosa, etc.).

Viene effettuato dal ginecologo o da un’ostetrica nella divisione di ostetricia e ginecologia dell'ospedale in cui è seguita o è ricoverata la futura mamma. Si tratta di una tecnica completamente priva di rischi sia per la mamma che per il bambino, in genere dura da 30 minuti ad 1 ora durante i quali la gestante è distesa su un lettino o seduta su una poltrona, in ogni caso in una posizione comoda, e può essere presente anche il padre del bambino.
Dal punto di vista tecnico si tratta di un esame basato sulla misurazione di due parametri: la frequenza cardiaca fetale, ossia il numero di pulsazioni del cuore del feto al minuto, e le contrazioni uterine.

Il monitoraggio costituisce a tutt'oggi il sistema di misurazione più efficace per mettere in evidenza un’eventuale sofferenza fetale, infatti la relazione tra la frequenza cardiaca del feto e le contrazioni dell’utero permettono al ginecologo o all'ostetrica che effettuano l’esame di trarre importanti informazioni circa lo stato di salute del bambino, ad esempio la rilevazione di pulsazioni cardiache costanti può segnalare un problema del feto. Lo strumento utilizzato per questo esame prende il nome di cardiotocografo, simile per dimensioni e forma ad una piccola scatola al quale sono collegati due rilevatori (o trasduttori) che vengono applicati all'addome della mamma, attraverso due fasce elastiche. 

Pubblicato in News